Associazione sportiva dilettantistica

L’associazione sportiva dilettantistica è la tipologia di soggetto più utilizzata per svolgere attività sportiva di qualunque tipo. L’A.S.D. può infatti fruire di agevolazioni fiscali previste in particolare dalla legge 398/1991, sulla base di alcuni requisiti. Il nostro Studio vi consiglierà uno statuto conforme alle norme di legge per fruire delle agevolazioni nonché le migliori pratiche nella gestione corrente di una associazione sportiva dilettantistica. Per usufruire dei benefici fiscali previsti dalla legge, l’associazione sportiva dilettantistica necessita dei seguenti requisiti oggettivi:

  • non persegue finalità di lucro nello svolgimento dell’attività istituzionale;
  • svolgono un’attività sportiva riconosciuta dal Coni (con iscrizione nel relativo registro) e sono affiliate ad una Federazione Sportiva Nazionale o ad un Ente di Promozione Sportiva riconosciuti dal Coni (se trattasi di associazioni o società sportive dilettantistiche)

e di un requisito soggettivo:

  • proventi dell’anno precedente, derivanti dall’attività commerciale, non superiori a euro 250.000.

Più specificatamente:

  • divieto di distribuire utili o capitale durante la vita dell’Associazione;
  • inserimento dell’indicazione “sportiva dilettantistica” nella denominazione sociale;
  • obbligo di devolvere il patrimonio residuo, in caso di scioglimento dell’Associazione, a enti con finalità sportive, sentito l’apposito organismo di controllo;
  • disciplina uniforme del rapporto associativo;
  • divieto di soci temporanei;
  • obbligo di redigere ed approvare un rendiconto economico e finanziario;
  • libera eleggibilità degli organi amministrativi e principio del voto singolo;
  • divieto per gli amministratori di ricoprire cariche del medesimo genere in altre società o associazioni sportive dilettantistiche;
  • criteri di ammissione ed esclusione degli associati e idonee forme di pubblicità delle convocazioni, delle delibere e dei bilanci;
  • intrasmissibilità della quota e sua non rivalutabilità.

Gli stessi benefici fiscali sono estesi, oltre alle associazioni sportive dilettantistiche, anche a:

  • società sportive dilettantistiche costituite in società a responsabilità limitata e società cooperative (articolo 90 legge 289/2002);
  • tutte le associazioni senza scopo di lucro e pro-loco;
  • associazioni bandistiche e ai cori amatoriali, alle filodrammatiche, di musica e danza popolare (articolo 2 comma 31 legge 350 del 24/12/2003).

I benefici consistono nel:

  1. determinazione forfetaria dell’IVA da versare, secondo varie percentuali sull’imponibile IVA:
    • 50% per attività commerciale, spettacoli sportivi, pubblicità
    • 90% per sponsorizzazioni ( 50% a partire dal 13 dicembre 2014)
    • 2/3 per diritti TV o radio
    • attività istituzionale non imponibile IVA
  2. determinazione forfetaria della base imponibile IRES, ottenuta applicando l’aliquota del 3% al totale dei proventi commerciali ed aggiungendo, le plusvalenze patrimoniali, interamente tassate.
  3. determinazione dalla base imponibile IRAP (valore della produzione) a partire dall’IRES, con:
    • l’aggiunta di retribuzioni per personale dipendente ed assimilato, compensi per lavoro autonomo non abituale, interessi passivi  e
    • l’esclusione di taluni costi come i compensi corrisposti per prestazioni sportive dilettantistiche, i contributi per le assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro, le spese relative agli apprendistati, ai disabili e ai contratti di formazione-lavoro

Per qualsiasi informazione o richiesta in merito all’associazione sportiva dilettantistica

Contattaci ora!

Oppure chiedici un preventivo se hai le idee già chiare sulla costituzione:

Base
Attività istituzionale
Redazione atto costitutivo e statuto
Richiesta Codice Fiscale
Registrazione atto costitutivo e statuto
Predisposizione ed invio Modello EAS
 
 
 
 
Avanzato
Attività istituzionale e commerciale
Redazione atto costitutivo e statuto
Richiesta Codice Fiscale
Registrazione atto costitutivo e statuto
Predisposizione ed invio Modello EAS
Richiesta Partita IVA
Iscrizione R.E.A.
Comunicazione Opzione 398 Agenzia delle Entrate
Comunicazione Opzione 398 SIAE

O sulla gestione ordinaria:

Tutte le tipologie di assistenza nella gestione ordinaria includono, se l’Ente lo desidera, l’utilizzo di un potente software gestionale specifico per le Associazioni/Enti Non Commerciali con gestione di:

  • libro soci, domande di ammissione e verbali del C.D.
  • entrate e uscite istituzionali e commerciali
  • rendiconto economico-finanziario
  • compensi per prestazioni sportive dilettantistiche, rimborsi spese, ricevute
  • suddivisione per centri di costo
  • statistiche
  • e altre utili funzionalità

Assistenza completa
Assistenza completa
Primanota guidata e rendiconto annuale
Gestione amministrativa e dei libri sociali
Assistenza via mail, telefono o in Studio
Pagamento con cadenza mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale o annuale
Gestione delle collaborazioni
Certificazione Unica
Dichiarazione 770
Dichiarazione IRAP
Registro IVA minori guidato e liquidazioni IVA
Dichiarazione UNICO
Fatturazione (anche elettronica)
 
Commerciale
Attività istituzionale e commerciale
Primanota guidata e rendiconto annuale
Gestione amministrativa e dei libri sociali
Assistenza via mail, telefono o in Studio
Pagamento con cadenza mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale o annuale
Gestione delle collaborazioni (max. 20)
Certificazione Unica
Dichiarazione 770
Dichiarazione IRAP
Registro IVA minori guidato e liquidazioni IVA
Dichiarazione UNICO
 
 
Avanzato
Attività istituzionale con collaboratori
Primanota guidata e rendiconto annuale
Gestione amministrativa e dei libri sociali
Assistenza via mail, telefono o in Studio
Pagamento con cadenza mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale o annuale
Gestione delle collaborazioni (max. 20)
Certificazione Unica
Dichiarazione 770
Dichiarazione IRAP
 
 
 
 
Base
Attività istituzionale
Primanota guidata e rendiconto annuale
Gestione amministrativa e dei libri sociali
Assistenza via mail, telefono o in Studio
Pagamento con cadenza mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale o annuale
 
 
 
 
 
 
 
 

  Assistenza Completa Commerciale Avanzato Base
Gestione contabile      
Prima Nota guidata (con controllo dei dati inseriti)

 

 

 

 

Rendiconto economico e finanziario annuale

 

 

 

 

Rendiconto per raccolta fondi

 

 

 

 

Gestione fiscale        
Versamento periodico ritenute con modello F24

 

   
Registro IVA minori guidato

 

 

Liquidazione periodica IVA con modello F24

 

 

Predisposizione ed invio telematico delle comunicazioni e dichiarazioni fiscali obbligatorie        
Certificazione Unica

 

   
Modello 770

 

 

 

UNICO Enti Non Commerciali e calcolo imposte

 

 

IRAP e calcolo imposte

 

 

 

Comunicazione Polivalente

 

 
Gestione amministrativa        
Libro soci

 

   

 

Libro verbali assemblea e consiglio direttivo

 

   

 

Procedura di iscrizione e ammissione del socio

 

   

 

Lettere d’incarico

 

   
Assistenza via mail, telefono o in Studio        
Pagamento con cadenza periodica (da mensile a annuale)        

Emissione fatture (anche fatture P.A.)

 
Associazione sportiva dilettantistica

2 risposte

  1. buonasera,dottore
    sono presidente di una associazione sportiva dilettantistica, abbiamo partecipato ad un progetto della regione, oggi riceviamo una comunicazione da parte della regione dove ci comunicano che, possiamo emettere fattura o ricevuta per riscuotere il contributo da loro finanziato.
    Mi sorge un dubbio:
    a) cosa faccio non e unaprestazione di servizine una sponsorizazzione, naturalmente emetto ricevuta e non la fattura.
    b) che art. della legge 633/72,scrivo sulla ricevuta per comunicare che non si applica l’iva,
    va bene art. 2 Dpr 633/72
    Grazie

    Bruno Circelli 15 aprile 2016 alle 16:25 #
    • Buonasera Bruno,

      Se si tratta di un contributo erogato per l’attività istituzionale svolta, va semplicemente rilasciata una ricevuta per erogazione liberale, su carta intestata dell’ASD dove si attesta di aver ricevuto dall’Ente la somma a titolo di erogazione liberale per le attività istituzionali dell’Associazione.

      Sulla ricevuta può indicare che si tratta di “Operazione fuori campo IVA ex art. 2 co. 3 lettera a) DPR 633/72”.

      Diverso è il caso in cui l’ASD svolga anche attività commerciale e il contributo sia ricevuto non esclusivamente per l’attività istituzionale.

      Rimango a disposizione per ulteriori approfondimenti, e ricordo che può ringraziarci con un like, un follow o un +1 (link sulla barra di navigazione).

      Tiziano D'Angelo 18 maggio 2016 alle 22:04 #

Lascia un commento

Condivisioni
Commercialista Online