Società agricola

La società agricola svolge esclusivamente attività agricola così come definita dall’articolo 2135 c.c. ed è soggetta ad una particolare disciplina normativa, nella quale riveste particolare importanza la qualifica o meno di imprenditore agricolo professionale.

Il nostro Studio potrà seguirvi nell’espletamento di tutte le formalità costitutive, guidarvi al meglio nella scelta della migliore forma societaria, tipologia di tassazione del reddito e regime IVA, nonché assistervi nel riconoscimento della qualifica di imprenditore agricolo professionale ove richiesto.

Art. 2135. Imprenditore agricolo
È imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse.
Per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di animali si intendono le attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine.
Si intendono comunque connesse le attività, esercitate dal medesimo imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall’allevamento di animali, nonché le attività dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l’utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell’azienda normalmente impiegate nell’attività agricola esercitata, ivi comprese le attività di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità come definite dalla legge.

La società agricola può essere costituite sotto forma di società semplice, società di persone o società di capitali.

Per maggiori informazioni sulla società agricola

Contattaci ora!

oppure parla con noi tramite il supporto online.

Società agricola

2 risposte

  1. Buongiorno,
    È possibile avere un appezzamento terriero senza coltivarlo ne altro ? Mio suocero classe 1946 attualmente è in pensione ma ha una piccolissima azienda agricola nella quale non ha più voglia di coltivare il terreno. Ma affitta a noi ( io e il figlio- per la nostra società sportiva dilettantistica) 4 dei suoi 22 ettari.
    Alla Coldiretti gli dicono che non può in alcun modo cessare L azienda agricola e deve continuare a versare i contributi … come è possibile gestire i rapporti a regola d arte senza versare ulteriori contributi e quant ‘altro ?
    grazie per L attenzione

    Alessia 4 Gen 2018 alle 10:53 #
    • Buongiorno Alessia,

      In generale, senza ulteriori dettagli sulla situazione specifica, è certamente possibile possedere dei terreni agricoli e decidere di non coltivarli, affittarli a terzi, etc…, senza azienda agricola, senza partita IVA e senza pagare i contributi come coltivatore diretto / imprenditore agricolo professionale.

      Rimango a disposizione per ulteriori approfondimenti e per consulenza specifica sulla sua situazione personale, e ricordo che può ringraziarci con un like, un follow o un +1 (link sulla barra di navigazione).

      Tiziano D'Angelo 5 Gen 2018 alle 16:15 #

Lascia un commento

* E' richiesto il consenso.

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consulenza online e preventivo

Chiamaci 049 656366










.

Condivisioni
Commercialista Online